Stampa

Google diventa umano

Posted in News

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Grazie ad un nuovo software Google potrò riconoscere, nei video di YouTube o nelle immagini che affollano la rete, i volti umani, gli oggetti e addirittura i vestiti indossati dai vip e i volti più noti del mondo dello spettacolo.

Il Daily Mail ha pubblicato la notizia secondo la quale la nuova tecnologia del più celebre motore di ricerca si chiamerebbe Automatic large scale video object recognition e sarebbe in grado di scannerizzare i filmati e di estrapolarne ogni più piccolo dettaglio. Tutto questo grazie a delle semplici etichette, Google, infatti, aggiungerà automaticamente, agli oggetti presenti nei video o nelle immagini dei tag con l’intento di descriverli al meglio. Così il vestito di una star visto in un video su YouTube o il nome di una piazza non saranno più un mistero.

Tutte le informazioni generate saranno inserite in un database e collegate ad un’applicazione ecommerce e catalogando i diversi contenuti su internet, verrà potenziata la “ricerca semantica”, modalità di ricerca “intelligente” in grado di trovare i contenuti più appropriati alla nostra ricerca da poco lanciata negli Usa. In questo modo l’algoritmo alla base del motore di ricerca più usato la mondo si avvicinerà sempre di più ai meccanismi di funzionamento della mente umana.

E a farne le spese sarà, come sempre, la privacy degli internauti che saranno sottoposti ad un maggiore controllo e ad un monitoraggio sempre più pressante. Come farà Google a superare questo problema?

Blog
separatore
  • Il famoso Social Network si presenta agli utenti con un nuovo restyling e lo annuncia sul suo blog ufficiale, dove proprio ieri è stata pubblicata la notizia secondo la quale tutti i profili di Twitter avranno un radicale cambiamento in termini di grafica, proprio per rendere ancora più sensazionale la propria esperienza su internet.

    Potrai caricare una nuova foto dal tuo smartphone, con le applicazioni iPhone, Android e iPad, e far si che la stessa immagine venga visualizzata ogni volta che altri utenti entreranno nel tuo profilo o su queste applicazioni. Potrai esprimere te stesso in qualunque momento e in ogni luogo semplicemente caricando la foto, che apparirà sopra i Tweets.

    Le foto diventano le vere protagoniste di Twitter, che ha voluto ampliare le potenzialità delle gallery e il legame con il mondo mobile, quasi con l’intento di allinearsi al più noto Facebook. Le immagini permetteranno agli altri di conoscerti meglio e di entrare nella tua sfera social.

    E mentre le foto del profilo permetteranno di farti riconoscere su iPhone, IPade e Android, avrai a disposizione un’altra foto   - un’immagine di sfondo – su twitter.com per rendere ancora più accattivante il tuo profilo.

  • La guerra tra i due colossi è solo all’inizio e già promette di dar vita ad un’accesa ed agguerrita sfida all’ultimo click. La notizia è di pochi giorni e tutto sembra procedere con estrema velocità, Mark Zuckerberg, infatti, direttamente da San Francisco e durante il TechCrunch, ha annunciato in diretta di voler ampliare le potenzialità di Facebook che si trasformerà, ben presto, in un motore di ricerca.

    La notizia ha portato clamore soprattutto in borsa, dove, sembra, che le quotazioni si sono rialzate rapidamente. Un vero scossone per Google, che in tutti questi anni ha mantenuto incontrastato il suo dominio come principale Motore di Ricerca in Europa e America e che per il momento non ha risposto alle affermazioni di Zuckerberg.

    L’idea del motore di ricerca è giunta dagli stessi utenti Facebook – spiega Mark – che proprio attraverso la piattaforma del Social Network ogni giorno effettuano oltre un miliardo di ricerche. Facebook può vantare un database molto prezioso legato alle informazioni personali degli internauti registrati, che diventerà la base di partenza per lo sviluppo del nuovo motore di ricerca.

    La ricerca, infatti, sarà filtrata in base alle preferenze degli utenti, al loro paese di provenienza, all’età, al sesso, alla religione, alla situazione sentimentale proprio per evitare che chi compie la ricerca debba poi filtrare l’elenco dei risultati, come ora avviene su Google.

    Una sfida davvero da non perdere.

  •  

    google-penguin-update.jpg_w630

    Già lo scorso anno Google Panda aveva destato preoccupazione tra gli addetti ai lavori, l’algoritmo, infatti, andava a penalizzare quei siti scarsamente posizionati e non in linea con le esigenze dei fruitori.

    E quest’anno arriva Penguin che, in pochi giorni, ha oscurato e messo in crisi milioni di siti. Il nuovo algoritmo di Mountain View, uscito solo a fine aprile, ha suscitato non poche polemiche, soprattutto per aver scatenato un’accesa caccia ai siti web troppo posizionati, ovvero a tutti quei siti che tendono a forzare, in modo spropositato, le normali regole Seo, attraverso abili trucchetti poco in linea, però, con ciò che Google intende per posizionamento.

    Leggi tutto...
  • music share
    Facebook
    non smette mai di stupire i propri followers e questa volta lo fa con una nuova applicazione chiamata Music Share creata per condividere musica restando all’interno della piattaforma del social network. Per adesso è solo una sperimentazione destinata agli utenti più fortunati, che potranno testare il nuovo prodotto di Facebook semplicemente cliccando, dalla propria bacheca, Music Share.

    Tutto sarà più semplice e non si dovrà uscire da Facebook, la novità è proprio questa. Music Share, infatti, permetterà di restare in contatto con i nostri amici e di condividere con loro i brani musicali che più piacciono attraverso Spotify, senza dover più aprire nuove finestre di ricerca e senza dover per forza andare su YouTube per ricercare quel motivetto che ci piace tanto.

    Leggi tutto...

                                                                                                                                                       
sep 
 Seguici Su:spece1

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Continuando la navigazione su questo sito accetti l'utilizzo dei cookies. Per sapere di più sui nostri cookies e come li utilizziamo leggi la nostra privacy policy.